Facebook     Google     pinterest

Praticare lo sport per salvaguardare il cuore

  • Written by Cairamano Francesco
  • Published in Salute
Sport per salvaguardare il Cuore Sport per salvaguardare il Cuore

E’ risaputo che praticare lo sport apporti benefici notevoli al proprio benessere psicofisico. Tra i benefici maggiori dell’attività sportiva, vi è quello di prevenire e salvaguardare il cuore da svariate patologie. Inoltre, fare sport, aiuta a mantenere il controllo del peso corporeo, e migliora il benessere psicologico di chi lo pratica.

Arrivare ad una certa età mantenendo una certa autonomia, dipende dalla costanza e dalla regolarità con cui in precedenza si è praticata dell’attività fisica come è stato dimostrato dalle persone in Svizzera che hanno praticato attività fisica e che sono allettate in misura nettamente minore rispetto ai nostri concittadini.

Quali sono i benefici effettivi sul cuore dell’esercizio fisico?


Chi pratica con costanza dell’attività fisica aiuta il cuore a divenire più forte ed efficiente. Abbassa la frequenza cardiaca, che in genere è di 60/70 bpm, andando a ridurre il rischio di sviluppare delle malattie cardiovascolari.

Il recente studio BEAUTIFUL, infatti, ha dimostrato che un bpm superiore ai 70 bpm provoca un rischio maggiore di infarto del 37 %, con un rischio di morte cardiovascolare finanche superiore del 30 %.

Si può dire, in sostanza, che più i bpm vanno sopra i 70 e minore sarà l’aspettativa di vita dell’individuo, basti pensare che i grandi atleti hanno un numero di bpm intorno ai 40.

Quali sono gli esercizi fisici che apportano benefici al cuore?


Gli esercizi fisici che apportano benefici per il cuore, sono quelli che fanno lavorare in particolar modo gli arti inferiori, così ad esempio il jogging o la bicicletta. Non sono consigliati gli esercizi di potenza, in quanto tendono ad aumentare la pressione arteriosa.

Pertanto ecco gli esercizi fisici che http://upsport.it consiglia per mantenersi in forma ed in perfetta salute fisica:

  • Camminare;
  • Fare jogging;
  • Fare nuoto;
  • Ciclismo;
  • Camminata con i bastoni (cosiddetta nordic walking);
  • Sci di fondo.

Come iniziare l’attività fisica che fa bene al cuore


Chi inizia a praticare sport per salvaguardare il cuore deve stare ben attento ad evitare di sovraccaricarsi di esercizio in breve tempo. Ciò avrebbe effetti nefasti! E’ bene iniziare in maniera ponderata, senza pensare di essere dei maratoneti o di correre il Giro d’Italia al secondo allenamento.

I primi allenamenti, pertanto, devono essere molto leggeri, aumentando poco alla volta il minutaggio complessivo degli allenamenti stessi, arrivando ad una durata totale di allenamento di 50 minuti, di cui i primi 10 vanno spesi per l’attività di stretching e riscaldamento, e gli ultimi 10 per l’attività di defaticamento.

E’ molto importante procurarsi un cardiofrequenzimetro, per cercare di mantenere la frequenza cardiaca al di sotto del 75 % di quella massima.
Fondamentale è poi cercare di aumentare il numero di allenamenti settimanali, fino a 4, poiché maggiori sono gli allenamenti e maggiori sono le possibilità di ridurre il rischio di infarto.

Chi ha avuto un infarto quali sport può praticare?


Dopo aver parlato dell’attività sportiva a carattere preventivo, vediamo quali sono gli sport consigliati per chi ha sofferto di patologie cardiache quali un infarto.

Al giorno d’oggi sono gli stessi cardiologi che consigliato a queste persone di praticare dell’attività fisica regolare, fatto fondamentale per la cosiddetta “riabilitazione cardiologica”. In passato, pertanto, veniva sconsigliato e al giorno d’oggi molti continuano a credere che sia così, fatto letteralmente da screditare.

Anche per tali tipologie di pazienti, si può dire che gli sport consigliati sono quelli di resistenza piuttosto che di potenza, con un contenuto impegno agonistico. Pertanto sono consigliati:

  • Jogging in pianura;
  • Camminate in pianura;
  • Ciclismo in pianura;
  • Golf;
  • Bocce;
  • Pattinaggio;
  • Canoa non esasperata.

Praticare questi sport con costanza e regolarità aiuterà ad evitare che certe patologie possano ripresentarsi.